Statuto e
Codice Deontologico ed Etico


Cliccare sui seguenti documenti per visualizzarli:

Statuto
Regolamento Interno
Codice Deontologico ed Etico

Statuto

per visualizzare lo statuto dell'Upledger Italia - Accademia Cranio-Sacrale, vi invitiamo ad aprire il pdf che trovate nella casella qui sulla destra.

Desideriamo ricordarvi che occorre leggere e comprendere gli scopi dell'Upledger Italia - Accademia Cranio-Sacrale per poter esserne soci.

L'ignoranza delle norme contenute all'interno dello Statuto, del Regolamento Interno e del Codice Deontologico, non costituisce giustificazione valida rispetto ad eventuali inadempienze da parte del socio.

Ci auguriamo che nella lettura dello Statuto, del Regolamento Interno e del Codice Deontologico, possiate condividere con noi gli scopi per i quali l'Associazione è stata fondata e possiate quindi, assieme a noi, prendere parte attiva agli eventi che vengono organizzati dall'Upledger Italia - Accademia Cranio-Sacrale per il perseguimento dello scopo sociale.

Codice Deontologico ed Etico

Considerazioni sul Codice Deontologico ed Etico
e riferimenti allo Statuto ed al Regolamento Interno.

(testo a cura della Dott.ssa Monica Lanzillotta)

Questo Codice Deontologico , espressione alta e più alta di ogni altra, dell'amore e passione per la missione della CST© in Italia e nel mondo, esprime in maniera chiara, dettagliata, profonda, inequivocabile visone, parametri, criteri, prospettive, intenti operativi e pragmatici. Onora le finalità e gli scopi, i mezzi per perseguirli.

È una azione legale dovuta, rispetto ai singoli e alla società nel suo insieme, ciò non di meno esprime quella visione profonda, culturale e scientifica, che permette di abbracciare anche l'Arte e la Poesia.
Quella Poesia della Vita, senza la quale ogni comportamento è privato della sua più intima Essenza : il soffio vitale, il suo Spirito.

L'Amore è Compassione (condividere la stessa "passione").
Ovvero non è solo l'abbraccio caldo creativo e avvolgente del Materno ma anche la Precisione Etica, la Severità, la Protezione, del Paterno.
Questo Codice è in grado di esprimere tale Vera Compassione.
Avrà molti attacchi ma lunga vita e salde radici nel Terreno da cui emerge.

In Onore, Rispetto e Gratitudine a tale spirito, esprimo queste riflessioni.

Per :

Titolo I articolo 5 - termine "percorso"

Il termine percorso indica letteralmente un itinerario stabilito e definito e vincolato in ogni sua tappa e svolgimento , preventivamente e talvolta obbligatoriamente - come nella circolazione stradale, nella organizzazione di un iter didattico ad ogni livello di istruzione e formazione , di visita a mostre, musei, etc. -.
Come tale , questo termine , di frequente uso colloquiale, messo per iscritto definisce in maniera antitetica al vero l'esperienza in CST© e della CST©

Essa è infatti, al contrario:

  • caratterizzata da una strutturale libertà e non prevedibilità delle indicazioni del sistema nel qui-ed-ora ("tratta ciò che trovi") per facilitare i meccanismi auto-correttivi dell'organismo - pura avendo tali meccanismi una assoluta ragionevolezza e aderenza alle dinamiche anatomo-fisiologiche , sistemiche ed energetiche dell'organismo umano;
  • come tutte le visioni sistemiche ed olistiche , pur avendo protocolli convalidati e dettagliati scientificamente per senso, modalità e finalità, ne prevede una applicazione dinamica e flessibile , in base alle esigenze esclusive e pertinenti ad ogni soggetto trattato , non solo in base alla sua unicità ontogenetica , ma anche nel suo essere nel tempo, cioè di seduta in seduta di applicazione. La formazione di eccellenza del Facilitatore Upledger, in coerenza, consiste appunto non nella mera acquisizione delle tecniche e dei protocolli applicativi - base imprescindibile ma non esaustiva - ma nel "possesso" intimo, profondo , esperienziale, flessibile e dinamico di ogni strumento messo a disposizione dal "Metodo Upledger" per poter offrire al proprio fruitore il 100% in ogni qui-ed-ora dell'incontro con la CST©.
  • Come sia lo Statuto, sia il Regolamento che il Codice riconoscono, sostengono e affermano con asseverazione, ogni individuo viene accolto nel rispetto ed in ragiona di tale evidente - in ogni visione olistica - unicità.

Nel contesto dell' articolo 5 , possono essere egualmente espressione adeguata : cammino, strada, direzione, sviluppo, evoluzione , crescita , crescita personale.

Titolo I articolo 7 -

Segnalare in questo articolo il concepito del SÉ da parte del dottor Upledger, è una forte occasione.
Egli è l'unico che riguardo una metodica scientifica di approccio soma-psiche , si riferisce chiaramente ed esplicitamente alla relazione da Sé a Sé ( con inoltre le implicazioni di conscio/non-conscio) tra Fruitore e facilitatore.
Può essere aggiunto di seguito, quanto esplicitato in formazione nel manuale di SER1.
Ovvero che tale dialogo tra facilitatore e "medico interiore" ha, come base fondante il dialogo da Sé a Sé, possibile ad Ogni Essere Umano.

Titolo II articolo 5 - Ultima frase

In merito a "l'assoggettamento dell'ego", segnalo che se si vive nel proprio Sé, ego e funzione di controllo non ricevono più energie né dal conscio né dal non-conscio. Esso entra "in latenza", si disattiva.

È falso che se l'ego non è attivo non si sopravvive, o che deve entrare in azione per consentirci la Vita e tale sopravvivenza.
L' ego e la funzione di controllo difendono, ma nulla sanno di come ci si protegge, ben prima della necessità di difendersi attacco-fuga-sopraffazione.

Dunque è in questo articolo che è possibile segnalare più esplicitamente che non si tratta di tenere sotto controllo l'ego (è sempre il neocortex che lo fa...) ma non fornirgli energie, lasciando che sia il Sé ad agire in pensieri , parole, azioni.

Quindi ad esempio un "tutto ciò implica un continuo sostegno da parte dell' Operatore Upledger all'espressione del proprio Sé ed una messa in latenza del proprio ego. Ciò è fondamentale per un dialogo con il Sé del fruitore".

Titolo II articolo 6 - termine "autostima"

Questo termine , già molto controverso in Psicologia che lo ha generato nell'ambito dell' Età Evolutiva, conserva strutturalmente in sé la componente autoreferenziale, egoica ed egoisitica, in un concepito dell'Essere Umano fragile, incerto, bisognoso di puntelli mentali per credere in se stesso.

È antitetico ad una visione olistica e sistemica dell'individuo, concepito come innatamente dotoato, sul piano filogenesi ed ontogenetico di capacità biologiche fisiche mentali psichiche e spirituali di auto-organizzarsi (condizione che condivide con le altre specie animali) e di trascendere i propri limiti (condizione caratteristica della specie Umana ).

Esso è oggi ampiamente superato dal concetto bene più ambio, pragmatico, ed aderente della self-confidence.
Tale termine-espressione può essere utilizzato.
Qualora l'uso di una espressione di definizione scientifica non in italiano non sia utile , nel contesto di questo articolo, è sostituibile con "fiducia in se stesso e nei propri meccanismi intrinseci , auto-correttivi e di guarigione innati".

N.B. Non riesco a ritrovare (non c'è) un punto dove viene usato il termine "positivo".
In CST©, come nella scelta di non-conscio al posto del complicatissimo inconscio (il cui uso segnalerebbe un indifendibile scartellamento in psicologia dinamica e psicanalisi, con complicazioni planetarie con la comunità scientifica internazionale), il dottor Upledger in "Trauma e la mente" segnala esplicitamente che notata la ambiguità e la fraentendibilità di tali termini , opta per i più chiari ed univoci costruttivo/distruttivo.

Oltre questo dato inerente il pensiero e la volontà del dottor Upledger, c'è oggettivamente il fatto che la dottrina di positivo/negativo è polare ad una logica olistica e sistemica in quanto separa e separando non prevede integrazione e soluzioni evolutive.
Inoltre è un falso linguistico-sciientifico.
Poiché, in termini bio-chimico-fisici, è l'eccesso di ioni positivi di un Organismo che porta il tumore , non il contrario.

L'Essere Umano in buona salute è elettrizzato negativamente. In condizioni patologiche si elettrizza positivamente perdendo ioni.
"La natura umana è sottoposta a ritmi biologici ineluttabili, frequenza polso, frequenza respiratoria, ritmi mestruali...che regolano il nostro equilibrio. TALI CADENZE SONO DI NATURA VIBRATORIA (maiuscolo mio). Tutti gli shock, fisici o psichici, generano cariche positivi(...)" (dottor Jean Valnet, Aromathérapie).

Studi specifici del dottor charles Laville già negli anni '%0 dello scorso secolo hanno condotto alla costruzione di un apparecchio noto come "negativizzatore elettrico" che , dotato di una carica elettrica che per forma tensione ed intensità possieda le stesse caratteristiche di quella di cui è dotata la cellula,agendo in maniera "esponenziale" (noi diremmo....quantica) eoga forme di micro-energia atte a ristabilire la giusta ionizzazione NEGATIVA all' organismo in disfunzione.

Dott.ssa Monica Lanzillotta

I moduli di iscrizione relativi ad ogni corso proposto in questo sito sono asserviti alla terminologia in uso al personale sanitario avente diritto ai Crediti ECM. Per i moduli di iscrizione dei professionisti non appartenenti ad ordini o collegi e degli operatori del benessere: si prega di rivolgersi direttamente alla segreteria dell'Associazione. Grazie

La tecnica descritta in questo sito è una tecnica del benessere
che può essere complementare alle terapie mediche e sanitarie
e successiva ad una diagnosi medico/sanitaria.

La materia appresa durante i corsi è da considerarsi
un'esperienza di formazione culturale e/o professionale.

La sua applicazione è consentita ai professionisti sanitari
l'applicazione da parte di professionisti non ordinistici
è subordinata e regolamentata dalla legge nazionale 4/2013.


Privacy Policy

Upledger Italia - Accademia Cranio-Sacrale
Piazza S. Antonio Nuovo 6 - 34122 Trieste - Tel: (0039) 040 3476191 - (0039) 040 9896121
Fax: (0039) 040 3487121 - Cellulare: (0039) 320 4895503
- Email: ti.elarcasoinarcaimedacca@ofniPEC: ti.cep@ailatiregdelpuotutitsi - CF: 90097270327