l'Associazione Cranio-Sacrale Upledger Italia E.T.S.

CSDG
CST E IL DIALOGO DELLA GESTALT

Requisiti: il corso è aperto a chi ha già concluso il SER 1 - PRIMO LIVELLO DI RILASCIO SOMATO-EMOZIONALE

Prerequisiti: lettura dei testi didattici sotto elencati.

- titolo TU E IL TUO MEDICO INTERIORE
autore John E. Upledger; editore BioGuida Editore.
- titolo TERAPIA CRANIO-SACRALE, TEORIA E METODO;
autore John E. Upledger; editore BioGuida Editore.
- titolo TERAPIA CRANIO-SACRALE, OLTRE LA DURA MADRE;
autore John E. Upledger; editore Marrapese.
- titolo RILASCIO SOMATO-EMOZIONALE E OLTRE, IL TRAUMA E LA MENTE; autore John E. Upledger; editore BioGuida Editore.
- titolo - LA GESTALT: TERAPIA DEL CON-TATTO EMOTIVO;
autore S. Ginger; editore Mediterranee
  • Durata: 4 (quattro) giorni.
  • Iscrizione: almeno 30 giorni prima del corso (vedi modulo di iscrizione).
  • Chiusura delle iscrizioni: 10 giorni lavorativi prima della data d’inizio del corso.
  • Struttura del corso: parte teorica, parte dimostrativa, parte pratica supervisionata.
  • Attestati: Attestato Upledger Italia (per la partecipazione al corso specifico).
  • Argomenti trattati: leggi il contenuto di questa pagina (subito di seguito al calendario se presente).
  • Sede, orari, modalità di iscrizione: leggi tutto nel modulo di iscrizione (cliccando l’icona del PDF se presente)
    in corrispondenza alla data scelta (se presente nel calendario) tra quelle segnalate per questo corso.
  • Crediti ECM: questo corso ha ottenuto 19,8 Crediti ECM, nel 2014.

Avvertenze:

  • per qualunque informazione in merito alla logistica del corso, fa fede quanto riportato nel modulo di iscrizione specifico inserito nel calendario dei corsi (a meno di successive e diverse comunicazioni spedite via mail, o pubblicate sul sito web dall'Upledger Italia);
  • gli orari ed il protocollo del corso vanno interamente rispettati ai fini dell'ottenimento dell'Attestato Upledger e dei Crediti ECM (se spettanti e ove previsti);
  • I termini terapeutici usati nella descrizione dei corsi, sono riconducibili ai protocolli internazionali e agli Abstract ove utilizzati per l'accreditamento ECM dei corsi stessi.

Al momento questo corso non è in programmazione

Premessa

"È solo vivendo un'esperienza di comunicazione totale con gli altri, e sviluppando una capacità di accettazione delle loro diversità, che si può configurare un progetto comune e non solamente condiviso, in cui ciascuno feconda gli altri con quella piccola parte di conoscenza che possiede e viene da loro fecondato."
(Pierluigi Sommaruga)

Questo corso partecipa all'accreditamento ECM (Educazione Continua in Medicina) del Ministero della Salute Italiano.

Abstract

L'applicazione dell'approccio esistenziale della Gestalt di F. Perls è stata riconosciuta utile dal dott. J. E. Upledger nel Trattamento Cranio Sacrale e molte idee e suggestioni della ricerca gestaltica sono state inoltre prese in considerazione nella Tecnica del Rilascio Somato-Emozionale.

La conoscenza dei riferimenti culturali alla Gestalt permette di ampliare la visione del trattamento corporeo con quello emozionale e questo è un valore aggiunto non solo per la persona che fruisce del trattamento ma anche per il ruolo del facilitatore e del professionista, che richiede la capacità di essere consapevoli del qui ed ora, del fenomeno che sta avvenendo e della relazione che si sta creando.

L'entrare in contatto con l'altro e con se stessi, in Gestalt come in Cranio-Sacrale, significa abitare un "terzo spazio" cioè una giusta distanza rispettando e riconoscendo i limiti, le emozioni, i meccanismi mentali di difesa, i blocchi corporei.

La lettura degli eventi comunicazionali che avvengono nel corso del trattamento può portare il facilitatore e il professionista a riflettere da un punto di vista "neutrale" (non personale e non dell'utente) su cosa stia realmente accadendo nella relazione, raggiungendo così un'oggettività non filtrata dall'interpretazione, in un contatto pieno emotivo e presente.

Elementi salienti del programma

  • osservazione dei rapporti e osservazione dell'episodio
  • l'intervento comunicazionale sull'evento e non sulla persona
  • le cornici relazionali
  • comprendere l'altro
  • esprimersi e farsi capire
  • ascolto, riformulazione, domande di qualità
  • assertività, costruzione di messaggi ben formati
  • feedback fenomenologico
  • individuare e trasmettere l'intenzione che sta dietro la comunicazione
  • sviluppare intelligenza emozionale
  • l' "alfabetizzazione emozionale"
  • riconoscimento e modulazione delle emozioni derivanti dalla difficoltà
  • la Mappa delle Emozioni
  • il senso di impotenza
  • sedute supervisionate di Rilascio Somato-Emozionale integrate con la conoscenza culturale del dialogo Gestalt.

Finalità del processo formativo

Il corso intende fornire ai partecipanti delle semplici basi formative sull'approccio culturale della Gestalt e nello specifico:

  • i collegamenti con le emozioni e come imparare a comprendere e trasformare le emozioni in corso, sfruttandone appieno le potenzialità;
  • gli stili comunicazionali: migliorare la lettura dei contesti, la capacità di comprensione e la capacità di espressione (farsi capire);
  • la relazione facilitatore-utente: entrare in contatto sviluppando il canale empatico, vivere una relazione professionale con l'altro riducendo il rischio stress correlato.

Queste nozioni non saranno acquisite soltanto con una formazione di carattere conoscitivo e didattico, ma anche come se l'aula potesse diventare una palestra in cui allenarsi per prove ed errori.

Obiettivi del corso

Competenze tecnico professionali

Il percorso formativo sviluppa nel Facilitatore:

  • la capacità di mantenere e sviluppare un atteggiamento efficace sia per se stesso in qualità di essere umano sia per l'utente, in un rapporto con l'utente in cui il professionista eroga una prestazione;
  • la capacità di essere consapevoli sul tema dell'efficacia personale e di conseguenza l'opportunità di diminuzione del senso di impotenza;
  • l'acquisizione di metodologie e strumenti utilizzabili nella relazione facilitatore-utente, alla luce delle risorse disponibili (umane e ambientali) e dei vincoli (luoghi, tempi, tipologia della gravità della situazione problematica da affrontare).

Competenze di processo

Il percorso formativo sviluppa nel Facilitatore:

  • l'apprendimento di un protocollo basato su strategie di gestione emozionale (?) per un'equilibrio nella relazione professionista-utente;
  • l'impostazione di metodi atti a stabilire a livello comunicazionale una relazione che permetta l'instaurarsi di uno "spazio sicuro" e una collaborazione tra facilitatore e utente.

Competenze di sistema

Il percorso formativo sviluppa nel professionista facilitatore:

la possibilità di contestualizzare l'intervento all'interno della cornice teorica di riferimento, comprendendo i punti di contatto e di integrazione della Tecnica Cranio Sacrale e del Rilascio Somato-Emozionale con altri interventi metodologici.

Metodologia del corso

La trasmissione della conoscenza è organizzata in modo che i partecipanti possano acquisire le nozioni teoriche e pratiche che consentono di agevolare la persona ponendo al tempo stesso ogni facilitatore in condizione di costruire l'azione d'intervento.
L'evento prevede:

  • lezioni frontali e laboratorio pratico per acquisizione abilità tecnico-manuali
  • Parte pratica ed esperienziale sui concetti proposti svolta sotto controllo dei docenti
  • ai discenti verranno consegnate dispense cartacee e consigliati testi di approfondimento sull'approcci gestaltico.

Docenti del corso

Dott.ssa Carla Piccini

Psicologa Psicoterapeuta della Gestalt. Docente e Formatore presso l'Istituto Gestalt di Trieste alla Scuola di specializzazione in Psicoterapia della Gestalt nel "Programma di supervisione, formazione e prevenzione del Burn Out". Docente all'interno della Federazione Italiana Scuole ed Istituti di Gestalt e FEIG - Docente all'interno della Federazione Italiana Istituti Gestalt Responsabile dell'Area Coppia e dell'Area Grandi Perdite dell'Istituto Gestalt Trieste Esercita anche come Libera Professionista nella psicoterapia individuale, di coppia e in gruppo.

Dott. Alberto Nardelli

Psicologo Psicoterapeuta della Gestalt. Docente e Formatore. Colloqui di sostegno individuali e di coppia, didatta FISIG, tutoraggio scuola di specializzazione in psicoterapia, docenze e workshop per associazioni, istituti ed enti di formazione, convegni e conferenze, referente IGT per l'area Potenziamento e per l'area Coppia. Libero professionista. Vicepresidente ASD Polisportiva Fuoric'entro Trieste. Collaborazione sportiva - Colloqui di supporto psicologico.

Indicazioni bibliografiche utili per la gestalt pediatrica

  • Baiocchi P. e Toneguzzi D. - La comunicazione affettiva e il contatto umano, Edigestalt, 2002
  • Carkhuff R. - L'arte di aiutare, Erickson, 1987
  • Ginger S. - La Gestalt: terapia del Con-tatto emotivo, Mediterranee, 2004
  • Naranjo C. - Teoria della Tecnica Gestalt, Melusina, 1973
  • Naranjo C. - Carattere e nevrosi, Astrolabio, 1997
  • Perls F. - La terapia gestaltica parola per parola, Astrolabio, 1991
  • Perls F. - L'Io, la fame e l'aggressività, Franco Angeli, 1995
  • Polster E. - Ogni vita merita un romanzo, Astrolabio, 1988
  • Polster E. e Polster M. - Psicoterapia della Gestalt Integrata. Profili di teoria e pratica, Giuffrè, 1986
  • Reich W. - Analisi del carattere, Sugarco, 1978

Gli organizzatori e i responsabili

  • L'organizzazione: Associazione "Facilitatori Associati Upledger"
  • Recapiti: Piazza S. Antonio Nuovo 6 - 34122 Trieste
  • Tel. (0039) (+39) 040 3476191
  • fax (0039) (+39) 040 9890500
  • e-mail ti.elarcasoinarcaimedacca@ofni
  • Responsabile didattico: Dott. Diego Maggio BSc (Hons),D.O.,CST-D.

Modalità di iscrizione

  • Per iscriversi occorre essere soci dell'associazione "Facilitatori Associati Upledger" e quindi occorre essere a conoscenza delle norme del suo Statuto, del Codice deontologico e del Regolamento Interno.
  • Accertarsi presso la segreteria dell'Associazione, dell'effettiva disponibilità dei posti prima di dar luogo all'iscrizione.
  • L'iscrizione viene ritenuta valida solo se conforme a quanto espresso nel modulo di iscrizione specifico per ogni corso.
  • Le iscrizioni si chiudono inderogabilmente 10 giorni prima dell'inizio del corso (a meno di disposizioni diverse espresse nei moduli di iscrizione).
  • Accertarsi rispetto all'avvenuta ricezione della propria iscrizione presso la segreteria dell'Associazione.
  • Le modalità di iscrizione e pagamento sono esposte sull'apposito modulo di iscrizione al corso.

Avvertenze importanti

  • I corsi potrebbero subire variazioni di luogo e data: verificate gli aggiornamenti sul calendario del sito.
  • È previsto un numero massimo di partecipanti ad ogni corso: iscrivetevi per tempo.
  • I corsi detti "in house" possono diversificarsi nelle modalità di iscrizione, nei costi e nei crediti ECM.
  • È prevista dagli Organi Direttivi dell'Associazione, un'Assicurazione obbligatoria che tutela operatore ed utente nell'applicazione della metodica appresa.

La Tecnica Cranio-Sacrale, CranioSacral Therapy, avendo come obiettivo il benessere, non è professione sanitaria e non svolge attività riservate esclusivamente alle professioni sanitarie. In questo senso il termine "terapia - therapy" non è inteso in un'accezione strettamente sanitaria, bensì in riferimento alla nozione estensiva di "salute" (e quindi inevitabilmente anche di "terapia") così come formulata dall'OMS: "stato di completo benessere fisico, emotivo, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia". Se la salute viene definita in questa maniera è inevitabile che il suo raggiungimento o il suo ripristino non possa passare esclusivamente per la funzione delle professioni sanitarie. La CST è pertanto anche impiegata in ambito sanitario come risorsa complementare e aggiuntiva, sempre e comunque su indicazione e sotto la responsabilità di personale sanitario, in linea con la sua storia e la sua tradizione e sempre nel merito delle specifiche competenze, conoscenze e abilità di ciascuna professione (sanitaria o non ordinistica).

La materia appresa durante i corsi è da considerarsi un'esperienza di formazione culturale ovvero professionale. La sua applicazione è consentita ai professionisti sanitari e l'applicazione da parte di professionisti non ordinistici è subordinata e regolamentata dalla legge nazionale 4/2013.
L'Associazione "Cranio-Sacrale Upledger Italia E.T.S." è un'Associazione. Pertanto per poter partecipare ai corsi, eventi e attività dell'Upledger Italia occorre esserne associati e conoscere, approvare e rispettare le normative del suo Statuto.